il nostro Paese

Vorrei proprio che lo facessero questo minacciato referendum per la secessione della cosiddetta Padania. Ammesso che si trovi il modo di farlo apparire un referendum costituzionale (la nostra Costituzione ammette solo i referendum abrogativi, non quelli propositivi) e che si riuscisse a raccogliere il numero sufficiente di firme, e che fosse dichiarato ammissibile dalla Corte, e si andasse a votare, si vedrebbe finalmente che a volere questa cosa sarebbero solo pochissimi gatti. E la si finirebbe una buona volta e per sempre con la ricorrente agitazione di questa sguaiata proposta.
È per questo appunto che il referendum si guarderanno bene dal farlo.

Tuttavia: è mai possibile che un Ministro della Repubblica si permetta (senza dimettersi) di gridare da un palco alla secessione  – e che affianco a lui se ne stia tutto sorridente e complice nientemeno che il Ministro degli Interni?
Sì, nel nostro Paese, tutto è possibile.

Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

4 commenti

  1. anonimo

     /  settembre 21, 2011

    Il Bossi dice anche che in Italia ormai siamo al fascismo. Fa il ministro a sua insaputa.
    maestroso

    Rispondi
  2. gabrilu

     /  settembre 22, 2011

    Ti sei dimenticata Calderoli. Anche lui è ministro, neh…

    Uno dei pochi, per la verità,  cui il tiitolo si addice: infatti  semplifica anche troppo.

    …E poi, intorno alla sacra ampolla  c'erano  anche  Cota ed altri illustri rappresentanti delle Istituzioni della Repubblica  Italiana. La quale Repubblica Italiana    non mi risulta lesini loro stipendi e  laute  prebende.

    Questi della Lega, sulla distanza, si sono rivelati abbarbicati alle poltrone ed ai privilegi  che manco i più ladroni di  roma ladrona…

    Chi può meravigliarsi se da un lato gracidano "secessione, secessione!" e dall'altro (e contemporaneamente) iniettano  continue  flebo al sedicente  Governo?

    Rispondi
  3. arden

     /  settembre 22, 2011

     Mi riesce persino difficile fare ulteriori commenti, tanto è scoraggiante l'insieme.

    Rispondi
  4. toporififi

     /  settembre 23, 2011

    Considerando che Maroni è un pregiudicato, giudicato per la famosa resistenza alle forze dell'ordine che volevano perquisire la sede della lega in occasione dell'armata brancaleone che voleva occupare Venezia, ci sta.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: