rimestando tra i rifiuti

Il Nucleo Operativo Ecologico che indagava a Napoli sul traffico dei rifiuti si è imbattuto nei traffici del Giornale per imbrattare la Marcegaglia, rea di critiche al governo.

Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

6 commenti

  1. anonimo

     /  ottobre 7, 2010

    L'ennesimo attentato a quelli della stampa libera, gli amici di Belpietro, quelli che hanno il coraggio di dire ciò che pensano "contro la vulgata corrente", come ha dichiarato il direttore di Libero dopo l'oscurissimo episodio dell'uomo-finanziere.

    Rispondi
  2. AnnaSetari

     /  ottobre 8, 2010

    Non spreco parole per commentare nel merito: la vicenda si commenta da sé alla luce delle pratiche di glorioso "gornalismo" collaudate dal Giornale.

    A me è parsa una squisitezza il modo in cui l'indagine è nata.

    Rispondi
  3. anonimo

     /  ottobre 8, 2010

    E squisitezza è anche il forbito linguaggio dei giornalisti di quel quotidiano, questi uso discreto di eufemismi e metafore. Uomini d'altri tempi, insomma. (Non che io sia una nostalgica nè una moralista, ma certi modi di esprimersi sono urticanti)

    Rispondi
  4. toporififi

     /  ottobre 8, 2010

    Ero reduce da un dibattito televisivo in cui Porro si era esibito nei suoi classici acrobatici e arroganti argomenti fuorvianti, lo guardai vinto da un'insana curiosità, da un'insana simpatia per i finiani, per un'ancor più insana accidia.Il giorno dopo, toh! che bello, un salmo dice che i cacciatori cadranno nella buca che hanno scavato, e poi, ancora più radioso, il Feltri che assicura che in quella intercettazione, Porro e l'altro scherzavano, da cui sboccia questa gemma dalle sue secche labbra; "Ho pensato 'ma che pirla Porro che si diverte a fare queste cose'."Mi dispiace non essere un lettore del Giornale, solo per non avere il piacere di fargliene perdere uno.

    Rispondi
  5. AnnaSetari

     /  ottobre 9, 2010

    Topo, avevo visto Porro varie sere fa prendersela con la Moroni in maniera accesissima perché aveva osato paragonare l'attacco cui era stato sottoposto Fini (e, prima, Boffo) a quelli del tempo di Tangentopoli. "Proprio lei dice questo! Proprio lei!" mostrava di scandalizzarsi lui, gridando e interrompendola  – alludendo al fatto che il padre di lei si era allora suicidato e quindi insinuando che lei stesse offendendo in qualche modo la memoria del padre. Non hanno rispetto di niente, a quanto pare.Ma forse sono io che non capisco e anche allora lui stava solo "scherzando".

    Rispondi
  6. toporififi

     /  ottobre 9, 2010

    Un pirla di solito resta un pirla, e ama scherzare.Una delle cose che amo dei milanesi è la precisione assoluta nei termini che definiscono una persona.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: