intercettazione ambientale

Una sala di palazzo. Sono presenti don Riccardo Glosta (Isso), il suo braccio destro don Buchinganna e il faccendiere Caté. Non sanno di essere ascoltati.

BUCHINGANNA  Vabbuò – Siente, Caté: tu te sì impegnato – t'arrecuordi? – a ffà chello che te dicimmo nuie e nu' fiatà co nisciuno di sta cosa nosta. Tu 'o ssai chello ca vulimmo nuie, t' o dicette già: e tu che dici? Nun è 'na pazziella fa venì chillo strunz 'e don Astìnco da 'a parte nosta, farlo persuaso ch'amma assettà a Isso, a 'o granne don Glosta ccà,  'ncoppa o trono 'e sto paese e mmerda?

CATÉ   Noo. Vulimmo pazzià? Chillo, 'o Chiattone, sta co 'o Principe, chillo è fedele a 'o pate suio bonanima e nun se mettesse mai co' nuie contr'a isso.

BUCHINGANNA   Va buò. E allora: Stanlio. Che dici?  Stanlio ce stesse?

CATÉ   Stanlio, chillo va sempe appresso a 'o Chiattone.

BUCHINGANNA  Va buo'. E allora avimm 'a ffa na cosa sula: va', frato mio, Caté mio bello, e scandaglia, sonda, sonda… ma 'ncoppa 'ncoppa… sto minchione 'e don Astìnco: vire che dice, se abbocca. Invitalo: fallo venì dimane rint'a Torre – a  'o Consiglio pe' l'incoronazione. Si te pare ca capisce, ca spenzula a ccà, da 'a parte nosta, tu gli dai 'na spintarella, gli spieghi o fatto buono comme sta. Si o minchione sta tosto, friddo friddo, o sfastiriato, tu fa comm'a isso: taglia 'o discorso e po' ce fai sapè come la pensa. Dimane avimm a ffa' due Consigli, separati, e tu là ci avrai 'na parte bona.

RICCARDO (isso, don Glosta)   Dagli i miei saluti a don Astìnco: e digli, Caté, ca chilli tre culattoni 'e nemici suoi, chelle chiaviche 'nfami, dimane, a 'o castello 'e Pomfritto, cacheranno 'o sango, cacheranno. Digli da parte mia ca, pe' festeggià a bella nutizia, desse nu vase 'e cchiù a chella puttanona 'e donna Sciore.

BUCHINGANNA   Va' vattenne, mo', Caté, e spiccia 'npressa, ca tu sì  sempe 'o meglio.

CATÉ   Vaco. Sempe a disposizione vostra, assignorì.

RICCARDO (isso, don Glosta)   Caté, ce fai sapé quaccosa primma ca ce corcammo?

CATÉ  Chest'è certo, assignorì.  [Caté esce]

BUCHINGANNA    E… che facimmo, cumpà, si chillo, 'o Chiattone, nun abbocca?

RICCARDO (isso, don Glosta)  E ch'amma fa? Gli tagliamo la capa. [risata] Quacche cosa aimm a fà… Ma tu mo' tieni mente a chesto: che, quanno che sarrò re, hai da pretendere da me la contea di Erforte e tutt 'e ccose ch'erano in mano a frateme, 'o rre muorto.

BUCHINGANNA   Chest'è sicuro: nun m'o scuordo, no. Ve le chiederò…

RICCARDO (isso, don Glosta)  E i', vedrai, te 'e dongo, e con grande piacere. Iammo mo', iammo 'npressa a magnà, ca roppo amma diggerì buono chesto complotto ccà. [escono ridendo]

(traduzione modernizzata in italiesco-da-intercettazioni, dal Riccardo III di Shakespeare, atto III, sc.I.
Buchinganna sta per lord Buckingham, Caté per Catesby, Stanlio per lord Stanley, Astìnco per lord Hastings. Riccardo è
isso, naturalmente, Glosta, il Duca di Glaucester, che sta preparando il suo colpo di stato per impossessarsi del trono e cerca di avere dalla sua i membri del Consiglio della Corona.)

Articolo precedente
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: