Risate di potenti

Er Papa ride? Male, amico! È sseggno
C’a mmomenti er zu’ popolo ha da piaggne.
Le risatine de sto bbon padreggno
Pe nnoi fijjastri sò ssempre compaggne.

Ste facciacce che pporteno er trireggno
S’assomijjeno tutte a le castaggne:
Bbelle de fora, eppoi, pe ddio de leggno,

Muffe de drento e ppiene de magaggne.

Er Papa ghiggna? Sce sò gguai per aria:
Tanto ppiú cch’er zu’ ride de sti tempi
Nun me pare una cosa nescessaria.

Fijji mii cari, state bbene attenti.
Sovrani in alegria sò bbrutti esempi.
Chi rride cosa fa? Mmostra li denti.

di Gioacchini Belli

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

2 commenti

  1. anonimo

     /  aprile 6, 2006

    in effetti vedo Prodi sorridere un casino….

    chi vuol capir… capisca

    Rispondi
  2. Rea

     /  aprile 7, 2006

    C’è troppo ridere in questa campagna elettorala, tutta improntata sull’umorismo, le battute gli scherzi.
    A casa ci arrivano buste anonime, offerte di supermercati, donazioni-burla.
    Quando la smettiamo con questo cabaret e torniamo a parlare di politica?

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...